ristrutturazione dell'impianto idrico
29 Dicembre 2016
Category blog novabad
29 Dicembre 2016,
 Off

In una ristrutturazione del bagno che si rispetti sarà necessario, una volta aver demolito tutto, costruire nuovamente l’impianto idrico necessario a far arrivare acqua calda e fredda e un tubo che servirà per eliminare le acque nere che verranno a formarsi.

Dopo l’ottimo lavoro effettuato per la demolizione da parte dei nostri muratori sarà necessaria un altra figura  di fondamentale importanza, vale a dire quella dell’idraulico che, avrà il compito di posare tra le tracce, precedentemente create, le tubazioni.
L’idraulico dovrà prestare  molta attenzione per evitare che, a lavoro ultimato, ci siamo perdite d’acqua.

Impianto idrico: a cosa serve?

L’impianto idrico  serve per dotare un abitazione o parte di essa di acqua calda e fredda e di un sistema di scarico per eliminare le acque nere.

Per ottenere l’acqua calda verranno inserite delle tubazioni che devieranno il normali flusso verso la caldaia per poi canalizzarla dove è richiesta.
L’acqua raggiungerà anche al wc attraverso un sifone, il quale resta non viene mai svuotato completamente per evitare cattivi odori.

Impianto idrico: materiali utilizzati

In un impianto idrico i tubi che vengono utilizzati possono essere di due materiali differenti:

  • rame, usato in precedenza, ad oggi, risulta meno resistente alla corrosione. 
  •  pvc, utilizzato molto più frequentemente perché risulta avere più resistente alla corrosione, maggiore sicurezza nelle giunture al fine di evitare perdite, maggiore durevolezza e igiene. Oltre ad avere costi più contenuti.

Impianto idrico: Tipi di impianto

Durante la ristrutturazione del vostro bagno potrà essere montato un impianto idrico con 2 diversi sistemi :

  • tradizionale;
  • a collettore;

L’impianto idrico tradizionale prevede la presenza di due soli tubi, uno per l’acqua fredda e uno per l’acqua calda che poi vengono deviati dove vi si fa richiesta.

L’impianto idrico a collettore è composto da un sistema che consente ad ogni punto di erogazione del bagno di avere un proprio tubo, partendo da una tubatura centrale di distribuzione.
Quest’ultimo sistema è preferibile in quanto, eliminando ogni tipo di giunture, riduce il rischio di perdite d’acqua consentendo, inoltre, di chiudere individualmente ogni utenza.
Tra i vantaggi si evitano cambiamenti di portata dell’acqua quando in un abitazione l’acqua viene richiesta da più zone contemporaneamente.

La costruzione di un impianto idrico è regolamentata dalla norma 9182/2010 e dal suo aggiornamento FA-1.
Tra le varie regolamentazioni che tale norma prevede vi è l’esigenza di porre i tubi di scarico ad una pendenza minima dell 1%.

Contattaci se sei interessato alla ristrutturazione del tuo bagno.

numero verde ristrutturazione bagno